Home Amministrazione Trasparente Contatti Albo On Line
  SPECIALE ELEZIONI
  Amministrative 2018
  Amministrative 2013
Museo Archeologico
"Santi Furnari"
     - Info ed Eventi 
     - Photogallery
     - Tour Virtuale

IL PAESE
     - La Storia di Abacena 
     - La Storia di Tripi 
     - Il Castello 
     - L'Archeologia 
     - Tradizioni e Gastronomia 
     - Vitto e Alloggio 
     - Manifestazioni ed Eventi 
     - Festa di San Vincenzo...
     - Album Foto 
     - News in Tempo Reale 
     - Mappa della Zona 

IL MUNICIPIO
Il Sindaco
La Giunta
Il Consiglio comunale
Attività del Consiglio
e delle Commissioni
(Art. 21 Bis, L.R. 30/2000
e successive modifiche)
Settore I - Amministrativo
Settore II - Economico Finanziario
Settore III - Tecnico Manutentivo Infrastrutturale
Settore IV - Territorio ed Ambiente - Prot. Civile
Comitato Unico di Garanzia
Democrazia Partecipata

ATTI AMMINISTRATIVI
Archivio Storico
 Delibere di Giunta
 Delibere di Consiglio
 Determine Sindacali
 Ordinanze Sindacali
 Determine di Settore
     Settore I
     Settore II
     Settore III
     Settore IV
Estratto Atti
Pubblicità Notizia
(Art. 18, L.R. 22/2008
e successive modifiche)
 Albo pretorio on-line

Semplificazioni
Amministrazione Trasparente
AREA RISERVATA
        - Aggiornamento Sito 


IL CASTELLO...



Emblema rimasto immutato nei tempi, contrariamente al frenetico avvicendarsi dei "padroni" di Tripi, è il Castello, che a completamento del paesaggio, incorona l’alto e scosceso cono montuoso su cui si inerpica il paese. E’ collocato nel punto più alto (610 m. s.l.m.) del rilievo che funge da spartiacque tra i torrenti Tallarita e Mazzarrà; la sua posizione elevata consente di dominare visivamente la costa tirrenica, da Tindari a Milazzo fino alle montagne più interne, risalendo il corso dei torrenti.

Sulle sue origini non si hanno notizie, o sono incerte; l’unico documento sarebbe uno scritto del 1154, del geografo Idris, che parla della presenza in questo luogo di una fortezza medievale.

Si sa di certo che nella prima metà del 1300 si sono svolte delle azioni militari per il suo possesso e vi soggiornarono, l’ammiraglio Ruggero di Lauria, il re Federico II ed altri personaggi di alto rango fino alla seconda metà del XVII secolo.


Il Castello in seguito non venne più utilizzato perché già in rovina, soltanto durante la seconda guerra mondiale servì, si racconta, come luogo di avvistamento.

Il Castello è delimitato dai resti di una cinta muraria e da rocce che ne costituivano una difesa naturale; vi si accede dal lato sud ,tramite un sentiero tortuoso, che partendo dal paese si inerpica per 100 metri e si ferma davanti ad un varco, creato nelle mura, che fa supporre la presenza, in origine, del portale di accesso. La pianta è irregolare, con una stretta terrazza naturale, su cui si affacciano parti della cinta muraria merlata ed un muro con finestre poste ad intervalli regolari; vicino ad esso sorge anche un bastione cilindrico.

Nel cortile sono presenti anche due cisterne di diversa grandezza: la più piccola è quasi integra in quanto ha mantenuto la copertura con la volta a botte. Ad est, insieme alle tracce del muro perimetrale si nota un bastione quadrangolare, mentre a sud emergono i resti di una torre a pianta rettangolare.

  © Point Service Srl giovedì 13 dicembre 2018