MARTEDÌ
22 agosto 2017 
HOME PAGE NEWS COMUNICATI INFORMAZIONI UFFICI E RESPONSABILI
  COME FARE PER...
  LA CITTA'             popolazione
 Come arrivare  Dettagli
 La Storia  Stranieri
 Le Chiese  Variazione
 I Monumenti
 Le Scuole
 Le Associazioni
 Attività Sportive
 Camminando per...
 Biblioteca (catalogo)
 Album fotografico
 Album fotografico eventi
 Manifestazioni e ricorrenze
  L'AMMINISTRAZIONE
 Il Sindaco  La Giunta
 Il Consiglio Comunale
 Commissioni comunali
Attività del Consiglio
e delle Commissioni
(Art. 21 Bis, L.R. 30/2000
e successive modifiche)
 Il Segretario comunale
 Viaggi Istituzionali
 Progetto ASEW
  ATTI AMMINISTRATIVI
Archivio Storico Atti
 Delibere Commissario Giunta
 Delibere Commissario Consiglio
 Determine Commissario Sindaco
 Ordinanze del Commissario
 Delibere Commissariali
 Delibere di Giunta
 Delibere di Consiglio
 Determine Sindacali
 Determine Resp. di Settore
 Ordinanze Sindacali
 Ordinanze Resp. di Settore
Estratto Atti
Pubblicità Notizia
(Art. 18, L.R. 22/2008
e successive modifiche)
 Amministrazione Trasparente
    DLGS 14 marzo 2013, n. 33
 Amministrazione Aperta
    (Art. 18 L. 134/2012)
 Albo Pretorio on line
  UFFICI & SERVIZI
 Uffici e Responsabili  U.R.P.
 Bandi di Gara  Regolamenti
 Bandi di Concorso
 Pubblicazioni di Matrimonio
 Statuto Comununale
 Piano Regolatore Generale
 Modulistica da scaricare
 Modulistica per autocertificazioni
 Notizie in tempo reale
 Comunicati  Avvisi
 Link  Contatti
  AREA RISERVATA
 Gestione E-Mail
 Pannello di Controllo
 Aggiornamento Sito
Manifestazioni e ricorrenze... 

Visualizza Tutte

MADONNA DI CRISPINO

Uno spicchio di terra dal verde incantevole, una grotta che profuma di mistico, e ancora una tradizione leggendaria che resiste per la devozione della gente che si raccoglie attorno al santuario da ogni dove. La festa di Crispino, nella frazione Pellegrino di Monforte San Giorgio scrive la parola fine sul periodo estivo per tutto il comprensorio, ma ne esce sempre rinvigorita, rafforzata dalla speranza che possa essere rivissuta. Perché alla fine è un percorso. Non solo metaforico. Che, in verità, comincia il pomeriggio di Ferragosto, quando la Madonna col bambino opera tra le più belle dello scultore Antonello Gagini, viene condotta dalla chiesa del centro in processione al Santuario di Crispino, nell'omonima vallata dove una fonte regala refrigerio e rifornimento idrico da tempo immemorabile. Ma è solo la preparazione alla festa vissuta intensamente da tutta la comunità. E che comincia a tutti gli effetti il sabato antecedente la prima domenica di settembre, così come recitano i documenti storici relativi alla tradizione. Perché dal 1643, ininterrottamente, dal Santuario di Crispino si snoda all'imbrunire la processione del Capidduzzu di Maria. In un'urna d'argento, Padre Luigi Celona conduce un frammento del Capello della Madonna fino alla Chiesa Madre di Monforte centro. Tra due ali di folla che si fa luce con le torce, il sottofondo del suono delle cornamuse e del suono dei tamburi delle confraternite in alta uniforme. E alla fine esibizione in piazza per i suonatori di cornamuse, custodi delle genuine tradizioni pastorali. Sulla scia di quel fascino particolare che conquista sin dalla grotta di Crispino, prima della processione. C'è chi si ferma alla chiesa in preghiera, chi visita la grotta immersa nella macchia dal verde rigoglioso subito dopo la freschissima fonte.

Angelo è giunto a Pellegrino da Aci Sant'Antonio con la famiglia, e sembra esterefatto:"Qui è una piccola Lourdes", si fa scappare dinanzi alla Madonna nella grotta dove fu conservata per essere preservata dal saccheggio saraceno prima dell'anno mille.

Il 7 settembre è la vigilia della commemorazione della Natività della Vergine. Il pellegrinaggio a Crespino è continuo. Da tutta la provincia. In autobus, in macchina, a piedi soprattutto chi deve onorare un voto. La sera le messe si susseguono fino a mezzanotte. Il formicolio davanti all'eremo è incessante. Tra chiacchiere, calia e un'occhiata ai prodotti tipici dell'artigianato monfortese. Negli stands si scoprono delizie per il palato, ma anche veri artisti locali della scultura in legno e delle decorazioni floreali. Poi l'8 settembre la solennità ha la dimensione religiosa più consona alla riflessione. Il santuario è meta della popolazione locale, che si riserva sempre la grande festa per la seconda domenica di settembre. Il comitato organizza le manifestazioni in piazza, i giochi popolari che animano la grande famiglia pronta a ritrovarsi per la festa dell'anno. I preparativi per il concerto musicale del sabato della vigilia. E ancora la gara di briscola, con il vitello in palio. Le coppie di giocatori si sfidano fino a notte fonda. E la domenica è l'ora della processione. La Madonna ricoperta di oro gira a spalla per le vie del paese. I fuochi d'artificio segnano il passaggio nei quartieri e le devozioni particolari. Anche un gruppo di ragazzi fanno una colletta per un fuoco "tutto loro" dedicato alla Vergine. Fino all'arrivo in piazza, con la celebrazione della Santa Messa e il saluto alla Madonna con tanto di fazzoletto bianco in mano e le invocazioni dell'"Evviva Maria" di Padre Celona. Poi il concerto e i fuochi d'artificio finali. Il sigillo di giochi pirotecnici e colori. La festa è un periodo a cui gli abitanti del luogo non sanno rinunciare. Ci si ritrova, ci si racconta. E c'è pure chi giura che non scambierebbe il piacere delle prime due settimane di settembre a Pellegrino neanche con una vacanza ai Caraibi. Tanto, per quella c'è sempre tempo.